RECENSIONE LIVE: RAPHAEL GUALAZZI .. RAFFINATO E PIACEVOLE COME .. LA REGGIA

2

Grande successo per Raphael Gualazzi

Un concerto raffinato e piacevolissimo

 di Ermanno Eandi / Ph. Letizia Reynaud 

Normalmente il colto pubblico de “La Venaria Reale “, non arriva all’ultimo momento per assistere ad un concerto, perché sa che la splendida  Reggia è già un evento da sola.

Infatti arrivano alle 19,30, mangiano qualcosa nei localini attigui, poi visitano  la splendida location e, visto che sono lì, si godono la bellissima mostra “Alta Moda, Grande teatro” con meravigliosi costumi creati dalle migliori griffe italiane, fino alle 21,30..,, così quando il cielo spegne le luci, i riflettori si accendono  nel cortile delle carrozze  ed inizia il Venaria Real Festival, una kermesse musicale dedicata prevalentemente  alla canzone d’autore e al jazz.

Il protagonista della serata è Raphael Gualazzi.

Il pubblico è delle grandi occasioni, oltre mille persone presenti, l’artista  sale sul palco dove troneggia il suo pianoforte, una band composta da un contrabbassista, un percussionista, un chitarrista, tre elementi della sezione fiati e tre coriste lo accompagnano con eccelsa bravura.

Il concerto inizia con”Mambo Soul” un misto di samba e colori,  poi con maestria bravura il concerto tocca vertiginosi momenti  come quelli di “Sarò Sarai”di puro jazz dove la sensibilità e le capacità del  maestro urbinate e la sua band eccellono,  invece,con alcuni brani come “So che ci sei” ci propone superbo  blues, inoltre non dimentica di eseguire la sanremese  “Follia d’amore”  e, infine,  con i  brani “Lady O” e “Zuccherino dolce” ci propone quel jazz-swing simpatico e accattivante, con il pubblico ad accompagnare i pezzi battendo le mani.

Un concerto importate dove le dita di Raphael Gualazzi si sono trasformate in farfalle e, per due ore , hanno volato nell’anima degli spettatori portandola in un mondo ricco di note bellissime.

Ottimo concerto, complimenti “Maestro”.

Scaletta

Mambo Soul  – A three Second Breath – Rainbows – Don’t call my name – Follia d’amore – Sarò sarai Legba – Calda estate – Reality and Fantasy – Scandalize me – Tanto ci sei – Lady O – beheind the sunrise Thesday – I’m tired – Sai – Zuccherino dolce – Liberi o no

Bis

Piano Solo

Take me To my Hell